2 In Itinerari di un giorno/ Toscana

Visitare Viareggio a piedi: tra Mare, Carnevale e Yacht di lusso. Venite con me!

Visitare Viareggio a piedi. Itinerario tra mare, Carnevale e Yacht!

Destinazione Toscana

Quando la mia amica Fanny, originaria di Washington ma ormai cittadina fiorentina e toscana, come dice lei, mi ha confermato che avrebbe trascorso qualche giorno di vacanza a Viareggio, ho subito pensato a  cosa le avrei fatto vedere, di uno dei luoghi che amo di più al mondo! 

Viareggio per me vuol dire infanzia, scuola, mare, le cicale comprate dai pescatori sul molo, la domenica mattina, con mio nonno. Viareggio, dove ho vissuto, ho studiato, dove ho dato il primo bacio, dove sono cresciuta. 

La mia amica rispose alla mail che le avevo inviato con tre parole: mare, carnevale e yacht di lusso! Così mi sono messa all’opera per creare un itinerario, a piedi,  da seguire nel poco tempo che avremmo avuto a disposizione.

Scopri dove mangiare dell’ottimo pesce a Viareggio!

Visitare Viareggio a piedi. Si parte: “on foot” !

Era una giornata di sole bellissima, una di quelle in cui il profumo dei pini arriva fino sopra i tetti delle case.

Abbiamo parcheggiato fuori dal centro, trovando un posto in cui poter lasciare l’auto gratuitamente.

In città i parcheggi sono tutti a pagamenti, ma ve ne sono alcuni da cui si può raggiungere facilmente la passeggiata o il mercato, l’unica area pedonale viareggina.

Noi abbiamo optato per una bella passeggiata, complice il sole e le innumerevoli “cose” di cui io e Fanny dovevamo parlare. Perché tra amiche si sa, si deve parlare di tante cose!

Ci siamo incamminate lungo la via Regia e poi lungo canale, fino ad arrivare all’inizio del molo.

 

Vuoi pernottare a Viareggio ? Scopri Casa del Pellicano a pochi passi dalla pineta e dal mare. Scrivimi!

 

Visitare Viareggio a piedi. Lo stile liberty

Da li, dopo una breve pausa caffè, abbiamo ripreso il nostro cammino lungo il bellissimo viale a mare fiorito su cui si dispongono, come su di una nobile scacchiera, gli eclettici edifici in stile déco e liberty: alberghi, villini, caffè e negozi.

Gli stabilimenti balneari (pensate che i primi “bagni” in città risalgono al 1828, quando ancora era il legno a fare da padrone) sono stati il motore trainante dell’economica viareggina e hanno trasformato Viareggio da semplice porto a località turistica e balneare, rinomata non solo in Italia ma anche all’estero.

Nel 1819 grazie alla duchessa Maria Luisa di Borbone, Viareggio vide la sua prima darsena e da lì iniziò ad essere la meta preferita di importanti personaggi dell’epoca, tra cui Paolina Bonaparte, la sorella di Napoleone.

Destinazione Toscana

Visitare Viareggio a piedi. Il porto

Partendo dal canale Burlamacca, a monte del quale sorge la Torre Matilde, eretta nel 1544 dai lucchesi, vicino alla Via Regia con funzioni di allerta in caso di avvistamento di navi nemiche o di incendi, è facile perdersi tra l’aria di mare, gli yacht (come aveva chiesto la mia amica!), i negozi e i locali che popolano la zona circostante all’area portuale.

 

Pensate che è dal 1873 che a Viareggio si costruiscono imbarcazioni che oggi sono arrivate a misurare oltre 100 metri. Questo a dimostrazione del fatto di quanto sia importante il “made in Viareggio”, se posso utilizzare questa espressione, nel panorama mondiale della nautica. Qualcuno lungo il porto ci dice che “le barche qui non si vendono e basta, qui si costruiscono”.

Destinazione Toscana

Visitare Viareggio a piedi. Il Carnevale

 

La prima sfilata di carrozze addobbate a festa, risale al lontano 1873, lungo la Via Regia. Era martedì grasso.

Da allora, l’industria e la tradizione del Carnevale non si è più arrestata ed oggi i carri allegorici di Viareggio sono conosciuti in tutto il mondo. Colgo l’occasione per ricordare che la rinomata canzone la “Coppa di Champagne”, è stata la canzone ufficiale del Carnevale, nel 1921.

Nel 1930 è nato Burlamacco, la maschera simbolo di Viareggio e del suo Carnevale. Fu ideata da Uberto Bonetti nel 1930, pittore e grafico futurista.

Se venite a Viareggio vi invito a visitare i luoghi del Carnevale: la Cittadella, il Museo del Carnevale e a partecipare con i vostri figli, ai numerosi laboratori che organizzano ogni anno per i bambini. La Cittadella è facilmente raggiungibile in auto, da qualsiasi punto della città vi troviate e anche in autostrada, se venite da fuori Viareggio. Al suo esterno potete trovare un parcheggio gratuito.

Per qualsiasi informazione potete contattare la Fondazione Carnevale al numero 0584 58071.

Adesso vi saluto, perché a Viareggio è arrivata l’ora di andare a mangiare…uno spaghetto allo scoglio!

Destinazione Toscana

 

SCOPRI ALTRI LUOGHI TOP IN TOSCANA CHE NON PUOI PERDERTI!

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Occhio allo Scatto.com
    18 Aprile 2018 at 20:34

    Il Carnevale a Viareggio è sicuramente molto divertente. Non conoscevamo il museo del Carnevale, ci andremo di sicuro!

    • Reply
      Simona Genovali
      22 Aprile 2018 at 9:24

      È molto interessante anche se avete dei bimbi! 👋👋👋

    Leave a Reply

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi